turismo dentale bucarest

Turismo Dentale Bucarest – Clinica Radionic Parte 1

Tourist si trova alla Clinica Radionic di Bucarest

 

 

Intervista integrale (parte 1). Vai alla Parte 2 dell’intervista.

 

Oggi ci troviamo a Bucarest, per l’esattezza alla clinica Radionic e ci stanno ospitando la dottoressa Andrea e Radu che è il manager della Radionic Dental Clinic. Io vi ringrazio per la disponibilità perché ho visto che siete molto impegnati ed è difficile bloccare i vostri appuntamenti e spiegarvi innanzitutto tutto il progetto Sos Turismo Dentale e poi farvi capire l’utilità che ha per gli italiani questo progetto oltre che appunto, fare queste interviste.

E’ nostro piacere.

Grazie, non sono venuto da solo, ma sono qua insieme a migliaia di italiani e sono gli italiani che vedranno questa intervista, spero che gli siano veramente utili, oggi parleremo di riabilitazioni protesiche nel Turista Dentale. E’ quindi un paziente particolare, che spesso, io mi sono fatto l’idea ha bisogno di piani riabilitativi estesi, complessi…

 

Complessi che cosa significa? Significa che sono dei piani di cura difficili, che possono fallire? No, complesso vuol dire “di tanti elementi”, però può anche essere complesso, difficile. Dipende…

In genere quando molti denti sono coinvolti?

Si, di solito hanno bisogno di tanti elementi, tante capsule.

E’ importante capire gli obiettivi del paziente prima che inizi a curarsi?

Si, è molto importante, molto importante cosa vuole il paziente, però è importante anche che cosa possiamo fare noi. Ci sono pazienti che chiedono per esempio, vorrebbero il miglior materiale per le capsule, diciamo, il più bello diciamo.

Quindi più estetica vi chiedono?

Si, chiedono estetica. Però magari non si può non si può utilizzare quel materiale, in quella zona o quel materiale per così tante capsule. Allora noi diciamo questo non si può.

E in genere lo capisce il turista dentale?

Si, in genere lo capisce, se gli spieghiamo bene tutto quello che può succedere, tutto quello che il laboratorio può fare, tutto quello di cui ha bisogno, allora capisce.

 

Quindi parliamo di protesi fisse?

Io parlo di protesi fisse, si.

Quindi le capsule?

Le capsule e i ponti.

La differenza che c’è tra una capsula e un ponte?

La capsula è su un dente, un ponte è su almeno tre. Almeno tre denti…

Tre, ci sono anche ponti più lunghi. Di dieci denti?

Si usavano una volta, oggi, oggi non si usano più.

E invece, perché si usavano una volta?

Non lo so, si usavano, si usavano perché mancavano gli impianti, però…

Che sono? Gli impianti?

Gli impianti dentali..

Che sono? Le viti?

Le viti…

Ah, ok, non capivo.

O anche perché gli impianti quando.. erano molto costosi, oggi i prezzi si sono ridotti notevolmente. Ci sono molti tipi di impianti, e allora il paziente può.. può farsi anche gli impianti a prezzi più bassi. Allora le necessità per un ponte così grande, diminuiscono…

 

E quando scegliere un ponte a tre denti, e quando invece scegliere un impianto dentale?

Scegli sempre un impianto dentale, non scegli l’impianto solo se c’è una condizione del paziente. Una malattia, un qualcosa che non ti fa’ mettere l’impianto, sennò scegli sempre l’impianto.

Ok, oppure?

Come dottore puoi scegliere il ponte se.. se è più costoso, va beh, se il paziente non può pagare un impianto, gli spieghi che puoi fare..questo miglior trattamento.

 

Ma la differenza tra gli impianti e le capsule? A me mancava un dente, no?! E mi hanno detto guarda qua puoi fare un ponte, oppure puoi fare anche un impianto dentale, però mi hanno detto che sarebbe stato..

Più rapido il ponte..

Esatto, più rapido..

Si, così in un attimo, facevo e mettevo il dente. Si, ma la verità quale è?

La verità è che scegli sempre l’impianto, non tocchi i denti vicino allo spazio..

E se faccio la vite? I denti vicini?

Non li tocchi…

Non li tocco, ehm, e allora..

E’ molto importante per la parte parodontale, perché puoi pulire..

Che significa parodontale?

Se metti l’impianto e lasci i denti vicini, non li tocchi, allora puoi lavarti meglio, puoi usare lo, la.. mh, il filo, il filo interdentale, puoi pulire molto bene anche quella zona. Però se metti il ponte, quella zona, è piena di batteri, non fai niente, e allora..

E ci perdo il ponte?

Perdi i denti pilastro.. Dove poggia il ponte..

Beh certo.

E’ una zona che non riesci a pulire bene, solo se usi l’irrigatore, l’idropulsore. Allora..

 

Se io ho solo un pilastro naturale, per esempio una radice di un dente, no?! Già limata.. Posso mettere un impianto vicino e fare un ponte?

No, metti un impianto vicino e fai una capsula sull’impianto e un altra capsula diversa sul dente naturale.

E perché non posso unirli?

Non li unisci perché il dente naturale ha un movimento, mentre l’impianto è fisso nell’osso. Allora si crea un movimento che fa molto male al dente.

Si può anche rompere?

Si può anche rompere, ma anche il dente si può rompere, non solo la..

E allora diventano due impianti?

Diventano due, si…

Ma c’è chi li unisce denti naturali e impianti? Ne hai mai visti?

Pochi, ho visto un solo caso.

E quando vedi questi casi?

Quando li vedo non mi piacciono, però guarda, quella paziente era ok, il dente era ok, anche sulla radiografia.. fino adesso.. poi vediamo.

Chissà come sarà..

Però è sempre meglio non unirli, diciamo che i protocolli internazionali prevedono che non si uniscano.

Beh diciamo che hai ragione se uno ha l’ammortizzatore, l’altro non lo ha, da qualche parte si scarica lo stress, speriamo che non sia sul dente sano..

Di solito è così.

 

Sopra questi pilastri e questi impianti che ci mettete?

Mettiamo le corone, le corone in metallo e ceramica, o in zirconio, o in E-max.

In metallo? Cioè? Il metallo dentro ai denti?

Si, il metallo.

Ah, non lo sapevo questo.

No?!

Molti italiani non sanno che c’è.

E come no, lo vedi, guardi la corona che ti si mette in bocca, e vedi la parte esterna, quella interna. Se vedi metallo nella interiore, allora c’è metallo e ceramica.

Sennò cosa ci può essere?

Sennò può essere di zirconio, che è bianco, bello. Sia fuori che dentro.

Ma si vede questo zirconio?

No, perché c’è ceramica sopra allo zirconio, oppure se c’è poco spazio, puoi fare solo zirconio integrale. Se c’è poco spazio. Non puoi mettere sia zirconio che ceramica. Allora usi solo zirconio.

E se invece usi sia zirconio che ceramica in poco spazio che succede?

Non ci entra, non ci entrano entrambi.

 

Quando usare invece metallo, e quando invece usare zirconio? Fate scegliere al paziente?

Di solito lo facciamo scegliere, se è un caso normale. Ci sono casi in cui non possiamo usare lo zirconio.

Quand’è che non puoi usare lo zirconio?

Allora, lo zirconio non lo uso quando per esempio ho ponti, diciamo di tre elementi con pilastri che sono inclinati, che lo zirconio si spacca.

Ah c’è il rischio che si spacca quindi?

Si è un po’ fragile. Infatti, allora preferisco metallo ceramica per questi casi. Oppure se la dimensione verticale dove il dente manca è bassa, accade la stessa cosa. Lo zirconio si spacca dove si unisce la corona sul pilastro con la corona che manca. Quello è uno spazio molto critico, critico per lo zirconio. Bisogna stare attenti. Sennò di solito si può usare. Per le zone posteriori, perché ha bisogno di resistenza. Si, per le zone anteriori.

 

 

Intervista integrale (parte 1). Vai alla Parte 2 dell’intervista.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento